Tour Tematici

Bologna - Tour Tematici

Alla scoperta di epoche storiche, bellezze artistiche, luoghi nascosti, aspetti curiosi e inaspettati.

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

BOLOGNA LA DOTTA. STORIA DELLA PIU’ ANTICA UNIVERSITA’ D’EUROPA
Lo “Studio” bolognese, attivo già nel 1088, è la prima università d’Europa. Visiteremo le piazze che ospitano le grandiose tombe dei Glossatori, i “maestri” del diritto nel Medioevo; il Museo Civico Medievale con i monumenti dei docenti; il Palazzo dell’Archiginnasio, sede delle Scuole dal '500 all'800, con il Teatro Anatomico, ornato di sculture legate al tema della Medicina; il quartiere universitario in Via Zamboni e i Musei Universitari di Palazzo Poggi, con le antiche collezioni scientifiche esposte nelle sale dipinte da importanti pittori del ‘500 come Nicolò dell’Abate.

BOLOGNA ETRUSCA E ROMANA
Alla ricerca delle antichissime origini di Bologna. Dai villaggi “Villanoviani” (IX secolo a.C.), all’etrusca città di Felsina (VI secolo a.C.), alla rifondazione romana di Bononia (189 a.C.), esploriamo il passato più remoto della città attraverso i reperti del Museo Archeologico, la visita agli scavi del Foro Romano nei sotterranei della Sala Borsa, e le testimonianze ancora esistenti nel centro storico.

BOLOGNA MEDIEVALE
Bologna nel ‘200 tocca il suo apogeo. L'Università, le famiglie nobili, la borghesia artigianale e mercantile, gli ordini religiosi, lasciano una traccia indelebile nell'architettura cittadina. L'itinerario rivela gli splendori della Bologna medievale, la sua organizzazione politica, il mondo delle Arti e Mestieri, la vita quotidiana del tempo, le torri gentilizie, le abitazioni e i portici lignei conservatisi intatti fino ai nostri giorni. Il Museo Civico Medievale ospitato nel quattrocentesco Palazzo Ghisilardi, presenta pezzi di straordinaria bellezza. 

BOLOGNA RINASCIMENTALE. LA SIGNORIA DEI BENTIVOGLIO
Gli esordi del Rinascimento coincidono a Bologna con la Signoria dei Bentivoglio. Il Palazzo del Podestà, il Palazzo dei Drappieri, il Palazzo Bevilacqua, sono importanti esempi del nuovo gusto rinascimentale. Nella cappella Bentivoglio in S. Giacomo, nell'Oratorio di S. Cecilia, Francesco Francia, Lorenzo Costa, Amico Aspertini, gli artisti preferiti dai Bentivoglio, creano importanti cicli pittorici. In scultura i gruppi in terracotta di Nicolò dell'Arca e Alfonso Lombardi presso il complesso di S. Maria della Vita, costituiscono i capolavori più originali.

“FELSINA PITTRICE”. LA GRANDE PITTURA BOLOGNESE DA VITALE AI CARRACCI A MORANDI
La pittura bolognese ha avuto diversi momenti originali.  Il ‘300, con l’espressiva pittura di Vitale; tra '500 e ‘600, con la nascita della grande scuola di Annibale, Ludovico e Agostino Carracci, Guido Reni, Guercino. La Pinacoteca Nazionale, le chiese e i palazzi (da non perdere a Palazzo Fava il Ciclo di Giasone e Medea dei giovani Carracci) ce ne mostrano i capolavori. A Palazzo Pepoli Campogrande sono presenti gli affreschi anticonformisti del bolognese Giuseppe Maria Crespi.  Infine, le opere di Giorgio Morandi (Bologna 1890-1964), attualmente esposte presso il MAMBO, il museo di arte moderna.

BOLOGNA MUSICALE
Bologna è città di grandi tradizioni musicali, ieri e oggi. Mozart, Farinelli, Rossini, Donizetti, Wagner, hanno avuto un rapporto speciale con Bologna. Ne ripercorreremo insieme le vicende in diversi luoghi della città e al Museo Internazionale della Musica, che ospita strumenti antichi, ritratti di grandi musicisti, documenti manoscritti e a stampa di inestimabile valore dalla collezione del musicologo bolognese Giovanni Battista Martini (‘700). Il Teatro Comunale, opera del grande architetto Antonio Bibiena, è uno dei più antichi teatri d’opera del mondo (vedi sotto).

VISITE AL TEATRO COMUNALE - NEW!

La visita illustra il progetto di Antonio Galli Bibiena, la sua  realizzazione, nel contesto artistico e culturale della Bologna di metà Settecento, i rifacimenti successivi fino al compimento della facciata, dopo l’incendio del 1931. Si ripercorrono inoltre le tappe salienti della sua storia, il rapporto con i grandi compositori, in particolare Gioacchino Rossini e Giuseppe Verdi; la programmazione sperimentale e l’attenzione rivolta al nuovo che lo portò ad accogliere l’opera di Richard Wagner e ad affermarsi, anche in seguito, come primo teatro wagneriano d’Italia.

BOLOGNA EBRAICA
A Bologna fu presente una importante comunità ebraica fra Medioevo e Rinascimento, con esponenti come Ovadyah Sforno, famoso commentatore di testi sacri, Avraham Tintori da Pesaro, che a Bologna realizzò la prima edizione a stampa del mondo della Torah. Alla metà del '500 fu imposto il ghetto, ancora intatto nella sua struttura generale, e dove ha sede Il Museo Ebraico di Bologna. 

Letto 5963 volte

Newsletter

Le Guide d'Arte

Associazione di guide turistiche autorizzate di Bologna e dell'Emilia-Romagna.

  • Indirizzo: Via del Monte, 5
    Bologna, 
    40126 - Italy
  • Tel./Fax: +39 051 275 0254
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sei qui: Home Itinerari Bologna Tour Tematici